Movimento dei residenti del centro del comune di Milano che vogliono poter ritornare a casa senza dover pagare.

I sondaggi dei Residenti No Charge

Sono passate 4 settimane dall'introduzione di AreaC. Per cercare di capire il vero impatto che l'introduzione della Congestion Charge sta avendo sui residenti, il movimento Residenti No Charge ha condotto un sondaggio on line tra gli aderenti al movimento.  

Di seguito quanto emerso:

Modalità
Il sondaggio è stato condotto online, in forma anonima, tra i residenti.
Tutte le risposte (circa un migliaio) vengono da residenti.

Le domande vertevano su tre punti:
1) Qualità della vita (effetti di AreaC)
2) cambiamenti nel modo di utlizzare l'auto (obiettivo di AreaC)
3) riflesso sul parco macchine (effetti di AreaC)

Cosa è emerso
1) Qualità della vita


Erano previste 7 risposte (3 positive - qualità della vita migliorata - 1 neutra e 3 negative); era possibile scegliere più risposte contemporaneamente.
La stragrande maggioranza (99,5%) dichiara che la qualità della vita è peggiorata (soprattutto per maggiori vincoli/scomodità 53,1%).
Una percentuale consistente (66%) dichiara anche miglioramenti (soprattutto per minor traffico 38,3%)

2) Cambiamenti nell'utilizzo dell'auto



solo il 15,3% dichiara che ha potuto modificare le proprie abitudini nell'utilizzo dell'auto diventando più "virtuoso" (cioè utilizzando meno l'auto - vero obbiettivo di AreaC).
Per una consistente (44,4%) fetta l'utilizzo è rimasto uguale ma ciò porterà al pagamento del ticket (40 ingressi insufficenti) e una rilevante porzione (29,2%) ha modificato i propri orari per non dover pagare (impattando così sulla qualità della vita e non sull'utilizzo complessivo del mezzo).

3) Parco auto


una quota rilevante (26,8%) sarà costretta a cambiare l'auto. In un periodo di recessione  essere costretti a cambiare un'auto ancora funzionante (e in regola con tutte le normative, revisioni, bollini blu e tasse di circolazione) per via di una delibera comunale risulta di difficile comprensione.


In definitiva:
il pagamento di AreaC da parte dei residenti, oltre ad essere discriminatorio, è un sistema altamente inefficiente: per impattare su il 15% del traffico generato dai residenti (che rappresentano, lo ricordiamo, circa il 10% del traffico totale - quindi l'impatto definitivo è minore del 1,5%!) si scontenta il 99,5% del campione (ricordiamo che non togliendo AreaC ma esentando i soli residenti la quota degli scontenti si annullerebbe pur mantenendo il 66% dei favorevoli).



82 commenti:

  1. Psicologicamente è come essere agli arresti domiciliari senza colpa.
    Le imposizioni cretine mi danno molto fastidio.
    Il sindaco si prenda un Tavor la sera se non riesce a dormire!

    RispondiElimina
  2. All'inizio sono stato molto contrario a questo provvedimento per il principio "non voglio pagare per tornare a casa", ma, una volta entrato in vigore ho potuto verificarne gli effetti positivi. Ovviamente sulla base delle mie abitudini ed esigenze:
    1) c'è davvero tanto tanto traffico in meno nel Centro. D'abitudine per andare in ufficio impiegavo almeno 20-25 minuti, ora meno di 10
    2) non rientro mai a casa primadelle 19.30 e quindi non posso ritenermi daneggiato
    Alla fine credo che, per ciò che mi riguarda, questo provvedimento ha portato solo un vantaggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo pensa solo ai fatti tuoi

      Elimina
    2. Egoismo allo stato puro

      Elimina
    3. Per essere una decisione presa da un sindaco di sinistra ha comunque favorito i residenti del centro di Milano che trovano meno traffico è vero ma sta anche ammazzando tutto il commercio all'interno dell'area C. Poi un'altra cosa es Se io ho già parcheggiato in area c e devo per forza uscire dalla medesima e immettermi un Viale Filippetti perchè Via Vaina che è nell'area C è senso unico e devo per forza sbucare in Via Filippetti FUORI AREA c rientrare in area c Via Madre Cabrini per prendere Corso di Porta Romana. Ecco questo è un punto a favore dei residenti no charge Speriamo che gli Avvocati studino su questo.

      Elimina
    4. secondo me è soprattutto un provvedimento per far cassa, magari per finanziare le loro prossime elezioni, da ricordare che in centro ci sono ospedali ,scuole materne.pronto soccorso per bambini,e che i genitori o i famigliari che devono andare al lavoro fanno i salti mortali per organizzarsi..........mi vien da pensare che si vuole trasformare il cuore di milano la zona esclusiva di banchieri,politici ,manager,gay e coppie di fatto.

      Elimina
  3. Lavoro fuori dall'area C in zona periferica e l'uso dell'auto è indispensabile. Per pochissimi metri sono all'interno dell'area e per poter utilizzare il box di proprietà devo necessariamente varcare la soglia. Trovo veramente assurdo il dover pagare ogni giorno se rientro prima delle 19.30. Il problema dell'are C non sono i residenti in quanto chi già abita nell'area C ha sicuramente più facilità nel muoversi con i mezzi, a differenza di chi deve recarsi fuori. Trovo che il traffico sia notevolmente diminuito, ma nelle zone limitrofe non è cambiato nulla. Continuo a sostenere che il problema dell'inquinamento non sia solo del centro di Milano! I residenti dovrebbero avere libero accesso alle loro abitazioni in qualsiasi ora del giorno e della notte. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FOTOCOPIO L'OPINIONE DI UN ALTRO RESIDENTE, CHE MI SI ADATTA A PERFEZIONE
      Lavoro fuori dall'area C in zona periferica e l'uso dell'auto è indispensabile. Per pochissimi metri sono all'interno dell'area e per poter utilizzare il box di proprietà devo necessariamente varcare la soglia. Trovo veramente assurdo il dover pagare ogni giorno se rientro prima delle 19.30. Il problema dell'are C non sono i residenti in quanto chi già abita nell'area C ha sicuramente più facilità nel muoversi con i mezzi, a differenza di chi deve recarsi fuori. Trovo che il traffico sia notevolmente diminuito, ma nelle zone limitrofe non è cambiato nulla. Continuo a sostenere che il problema dell'inquinamento non sia solo del centro di Milano! I residenti dovrebbero avere libero accesso alle loro abitazioni in qualsiasi ora del giorno e della notte. Grazie

      Elimina
    2. ANCHE PER ME SITUAZIONE IDENTICA A QUANTO SCRITTO SOPRA. Abito appena all'interno di Viale Papiniano. Se devo rientrare prima delle 19.30 cerco un posto libero sull'aiuola che divide le due carreggiate di Viale Papiniano. Per ora mi è andata bene quanto a parcheggio, ma sono costretto a fare della strada a piedi e non è piacevole con il freddo di questi giorni.
      Tra l'altro, devo segnalare che non sono ancora riuscito a segnalare la mia targa sul sito "AREAC" perché il sistema non mi permette di completare la procedura. Ho parlato con i vigili che stazionano all'ingresso dei varchi; a parere loro il sistema non è ancora rodato. A me sembra, che oltre le copnsiderazioni già fatte, la giunta Pisapia si sta dimostrando assolutamente pressapochista !

      Elimina
    3. Concordo. il problema dell'area C non sono i residenti, il problema dell'inquinamento a Milano non è l'area C. La mia frustrazione è direttamente proporzionale all'evidenza lapalissiana di quanto oramai sta sotto gli occhi di tutti.-

      Elimina
    4. La mia situazione e' simile a quella esposta sopra, ma come donna di casa aggiungo il problema della spesa. Perche' non posso fare la spesa dove voglio o meglio dove costa meno se non alle 18.30 o il sabato quando c'e' un maggiore affollamento? Quando posso uso il carrello, ma acqua, detersivi e pacchi ingombranti sono difficili da trasportare. Certo tutto si puo' fare, solo a discapito del tempo dedicato alla famiglia

      Elimina
    5. sono veramente sconcertata da questa giunta, che discrimina i residenti dell'area c (c come confino!!!) in nome di un futuro ampliamento dei mezzi pubblici. Si tratta come sempre di far cassa a spese di chi vuole solo rientrare a casa sua. Senza contare che è un esproprio di tempo oltre che furto di denaro, dato che perima delle 19.30 non posso rientrare a casa. E se ho dei pacchi da scaricare a casa me li devo anche portare a casa sulle spalle da sola, a rischio anche di aggressioni dato che sono una donna e abito in una via senza illuminazione...

      Elimina
    6. Anchio abito appena all'interno della cerchia dei bastioni. Esco di casa tra le 7.30 e le 8.00 del mattino e sono costretto a restare in ufficio fino alle 18,50 (o comunque devo restare fuori dai bastioni dove il traffico e l'inquinamento sono aumentati significativamente!)
      Se voglio o devo rientrare a casa, non sono libero di farlo se non PAGANDO QUESTA TASSA che ritengo iniqua.
      Nella speranza che almeno per i residenti si rivedano le norme, ridando loro quei diritti che di norma una società civile di solito rispetta.

      Elimina
  4. 8 settembre 2011 h. 23.10

    Risiedo in via Santa Marta da 32 anni esatti.
    Questa sera per parcheggiare l'auto regolarmente nelle linee gialle ho girato per 1 ora e 12 minuti. Ho trovato almeno 20 auto, contate e controllate, parcheggiate nelle linee gialle da non residenti e, come se non bastasse, tutti gli spazi nelle linee blu occupati. Dopo 40 minuti ho telefonato ai Vigili Urbani, che hanno preso nota delle mie generalitá e che mi hanno detto che non c'era nessun mezzo disponibile per la rimozione di auto in contravvenzione. Si sarebbero limitati a fare una segnalazione, dicendomi che una mia lettera di protesta avrebbe dovuto essere indirizzata in piazza Berchet al Comando.
    Ho parcheggiato alla meno peggio in sosta vietata.
    A Milano tutti sanno che dopo le h. 19 nessun vigile dà la multa per divieto di sosta, pertanto tutti parcheggiano dove gli è più comodo, senza alcuno scrupolo!
    Il giorno dopo, avendo impegni di lavoro la mattina presto, sono uscito di casa alle h. 6 per cercare un parcheggio regolare nelle strisce gialle.

    RispondiElimina
  5. Cerco di non usare più l'auto nelle fasce orarie a pagamento.

    RispondiElimina
  6. sono giorgio abito nell'area C , la situazione traffico è migliorata molto , nel mio caso , devo usare l'auto tutti giorni per lavorare, ho una smart euro 5 , mi sembra un abuso chiedermi 2 euro al giorno per rientrare a casa dopo una lunga giornata di lavoro, non si può solo chiedere, si deve anche dare , per esempio ammettendo gratuitamente le utilitarie, cioè le auto più corte di 4 metri , e con un basso "co" ad esempio 120 microgrammi, ampliare e creare posteggi gratuiti serviti da navette verso il centro, i negozianti non alimentari stanno morendo , e poi non dite le strade sono buie.

    RispondiElimina
  7. Indubbiamente si circola meglio
    Condizionano gli orari
    Ingiusto il trattamento economico
    Auspicabile una cifra annuale ridotta fermo restante il rsto.
    (Personalmente con l'ecopass, possedendo una euro 2 a benzina,spendevo annualmente € 50) Cordiali saluti

    RispondiElimina
  8. ho partecipato al sondaggio e vorrei sottolineare che tra i vantaggi percepiti dall'avvio dell'area C non c'è solo la diminuzione del traffico e l'aumento della disponibilità di parchheggi residenti, ma anche, e in maniera rilevante, la dimunizione del rumore.

    RispondiElimina
  9. Ho partecipato al sondaggio ma non ne capisco appieno il fine.... Mi sembra evidente che con la chiusura del centro noi "indigeni" ne abbiamo un giovamento... per bacco, lo abbiamo chiesto noi!
    Il nocciolo del problema è che non è ammissibile il taglieggiamento che il figuro momentaneamente occupante palazzo Marino impone ai "farabutti" che, ahiloro, vivono in centro!
    Alla domanda tre, infatti, ho risposto alla opzione nella quale si dichiara che non si sono modificate le abitudini e che se non venisse modificata la legge pagherò.... ma io non voglio proprio pagare!!! Non ho scelta perchè lavoro a venticinque chilometri da casa in una zona dove non arriva nessun mezzo pubblico e la natura del mio lavoro, comunque, non mi permetterebbe di usarlo.
    E allora???

    Grazie per il vostro impegno profuso anche a mio beneficio e resto disponibile per qualsiasi iniziativa.

    Saluti

    RispondiElimina
  10. Devo dire che ho la fortuna (sono pensionata) di usare la mia vettura solo 2 volte alla settimana per motivi di lavoro (ho ancora un'attività lavorativa) e pertanto ho deciso di tornare a casa dopo le 19.30.
    Non è comodo!!!!
    Ora vado al supermercato il sabato o la domenica
    Anche prima dell'introduzione dell'area C, usavo abbastanza i mezzi pubblici per spostarmi in centro.
    Morale della favola, non ho ancora usufruito di nessun ingresso gratuito dei 40 che il Comune ci hadato.
    Sono comunque indignata dal fatto di dover pagare per entrare a casa mia con la mia vettura.

    RispondiElimina
  11. Di solito arrivo a casa ben dopo le 19,30 ma un giorno ho dovuto rientrare a casa prima delle 19,30 perchè mi sono sentita male. ho effettuato una decina di giri per trovare un posto per parcheggiare prima del confine con le telecamere (per non consumare 1 dei miei 40 accessi gratuiti). Poco prima delle 19,30 sono andata a riprendere l'ato per parheggiarla vicino a casa mia e in piazza della repubblica vi era un ingorgo di auto (di residenti credo) in attesa anche in terza fila che erano in attesa dello scattare delle 19,30 per poter andare a casa.
    Il fatto si commenta da solo (cercando parcheggio fuori dalla cerchia è necessario fare un sao di giri per parcheggiare così si inquina di più) Questo secondo me è un ulteriore mezzo per fare cassa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mariateresaghezzi6 febbraio 2012 00:55

      Uso la macchina eslusivamente per andare a lavorare.Insegno in un istituto tecnico a Corsico, e devo essere in classe alle ore 8 quindi se vado in macchina mi alzo alle 6.30 per uscire alle 7.20 e, se dovessi andare con i mezzi pubblici mi dovrei alzare alle 5.30 mi sembra un sacrificio insopportabile avendo oltretutto 63 anni e non potendo andare in pensione prima dei 68.Mi sembra assurdo far pagare a chi risiede entro la cerchia per quei pochi metri che fa per parcheggiare. Il pedaggio è una scusa per spremerci altri soldi visto che l'inquinamento non è diminuito e i mezzi per combatterlo sono ben altri

      Elimina
  12. Estremamente penalizzante per i residenti anziani, soprattutto se a 20 metri dalla telecamera che registra l'accesso

    RispondiElimina
  13. Abito nella zona C ed ho ufficio a pochi metri da casa sempre nella zona C, uso di rado l'auto, ma a volte mi capita di rientrare prime dell 19,30, pagare per esercitare un diritto mi sembra assurdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono veramente indignata.
      ci sentiamo confinati , tanto vale metterci in un gulag.Anzi forse sarebbe meglio mandarci Pisapia.

      Elimina
  14. Per me non è cambiato niente, se non il fatto che pago. E ho già bruciato una dozzina di buoni. Comunque, alla faccia di Pisapia, continuo a inquinare, produrre traffico..insomma esistere. Tra l'altro tengo la mia piccola Smart in garage, quindi non occupo suolo. Purtroppo constato che nei garage stanno licenziando. Bel risultato per una giunta di sinistra!
    Tiziana

    RispondiElimina
  15. oltre a non essere liberi di muoversi a casa propria secondo piacimento (un vero ABUSO)poi alla televisione si viene difiniti da 'certa gente' come dei radical chic!!! per non parlare poi delle interviste fatte dai tg ai non residenti che rispondono 'oltre a tutto che quei residenti hanno il privilegio di vivere in centro, e che paghino!' Mi sembra che in molti casi l'invidia muova il mondo...

    RispondiElimina
  16. Lavoro fuori dall'area C in zona periferica e l'uso dell'auto è indispensabile. Per pochissimi metri sono all'interno dell'area e per poter utilizzare il box di proprietà devo necessariamente varcare la soglia. Trovo veramente assurdo il dover pagare ogni giorno se rientro prima delle 19.30.IN PIù MI HANNO ANCHE AUMENTATO L'ICI SUL BOX Il problema dell'are C non sono i residenti in quanto chi già abita nell'area C ha sicuramente più facilità nel muoversi con i mezzi, a differenza di chi deve recarsi fuori. Trovo che il traffico sia notevolmente diminuito, ma nelle zone limitrofe non è cambiato nulla. Continuo a sostenere che il problema dell'inquinamento non sia solo del centro di Milano! I residenti dovrebbero avere libero accesso alle loro abitazioni in qualsiasi ora del giorno e della notte. Grazie

    RispondiElimina
  17. E'chiaro che Area c abbia diminuito il traffico al suo interno.. peccato che si sia tutto riversato al suo esterno.Noi abitiamo su viale D'Annunzio che è più congestionato di prima, macchine parcheggiate ovunque e soprattutto nelle strisce gialle per noi residenti. Noi non abbiamo modificato di molto le nostre abitudini, abbiamo l'abbonamento ai mezzi col quale andiamo al lavoro (a Rozzano e a San Siro) e la macchina la usiamo pochissimo.Ma siamo arrivati al paradosso di rinunciare ad andare a fare la spesa con la macchina e portarci pesi su pesi.Venerdì mattina ho aspettato 13 minuti a -4°C in corso genova il 14 per andare a far la spesa col carrello all'esselunga di bergognone-alla faccia del potenziamento dei mezzi. Quelli fuori dall'area C si sono presi la loro bella macchinetta col riscaldamento e si sono portati la loro bella spesa sotto casa! Non è giusto! Mio padre ha 75 anni e 5 bypass come se la porta a casa l'acqua? Per non sprecare i nostri 40 pass per la spesa e tenerceli per portare i bambini col febbrone dalla pediatra ( lei mica viene a casa!), per visite ecc.siamo costretti a questo! Lo ribadisco non è giusto rispetto a tutti gli altri abitanti di Milano!

    RispondiElimina
  18. Purtroppo lavorando e con 2 figli che vanno a scuola fuori dalla Area C non ho potuto cambiare le mie abitudini.
    Ho notato che non c'è nessun viglie nel centro (eccetto che in prossimità dei varchi) percui faccio ancora più difficoltà a trovare il parcheggio sulle strisce gialle.
    Del resto chi entra e paga per entrare dà per scontato di poter parcheggiare ovunque, anche sulle strisce gialle.
    Vivo vicino alla sede della Croce Rossa: spesso nonostante i posti a loro riservati ed il cortile interno le auto della Croce Rossa sostano sulle strisce dei residenti. E'una vergogna!

    RispondiElimina
  19. Risiedo nell'area C e devo usare spesso la macchina. Ritengo che da quando è in vigore l'area C la situazione traffico, rumore e smog è talmente migliorata che sono anche contenta di dover pagare per rientrare a casa. Due euro sono poco più di un biglietto del tram.

    RispondiElimina
  20. il vero diritto e' vivere meglio senza tanto traffico e trovando finalmente il famigerato posto sotto casa......
    sono felice cosi'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa quanto è felice uno che vive appena fuori dell'area C di trovarsi congestionato da mane a sera, pensa a che bell'aria che respira. Il pm10 e il carbon...non si fermano contro un muro di egoismi.

      Elimina
  21. Abito in via Cesare da Sesto, quindi per poche decine di metri rientro nell'area C, ma in una zona con pochissimi posti per residenti, ulteriormente penalizzata dal mercato di Papiniano. Un giorno la settimana devo andare per lavoro a castiglione olona, irrangiungibile con i mezzi pubblici (che in tutti gli altri casi uso abitualmente), quindi i miei 40 ingressi saranno ampiamente sforati - e con un SOLO giorno la settimana di utilizzo OBBLIGATO dell'auto! Aggiungo che sono incinta e ringrazio davvero la Giunta, che vanta tante velleità sociali, per aver pensato a tutelare almeno le donne in gravidanza e le famiglie con bambini al di sotto dei 2 anni, che usano l'auto non per scelta, ma per necessità.
    Almeno qualche misura per non "punire" senza rimedio i residenti la Giunta avrebbe potuto trovarla, ne cito due: parcheggi gratuiti sempre sulle strisce blu - tariffe convenzionate negli autosilo, almeno quelli comunali o convenzionati col Comune. Riduce l'inquinamento dover cercare parcheggio per decine di minuti girando tre isolati?

    RispondiElimina
  22. Non discuto sulla riduzione del traffico in zona 1; ma lasci l'amministrazione pubblica almeno rientrare i residenti 1 volta al giorno gratuitamente e senza limitazione di orario.
    Oggi se torno dal lavoro prima delle 19,30, posteggio con il bollo 6 nelle striscie gialle a 300m da casa mia e dopo le 19,30 vado a recuperare l'auto per metterla in box, mi sembra veramente stupido occupare un posteggio a 300 m da casa e comunque devo sempre uscire per ricoverare l'auto per la notte.ASSURDO!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido del tutto la proposta di concedere un ingresso gratuito ai residenti e far pagare gli ingressi aggiuntivi.
      Questo strumento consentirebbe vari obiettivi. Intanto sarebbe un deterrente per quelli che decidono di pagare 2 euro ma anche di scorazzare in auto. Secondo, la gente che effettivante usa l'auto per necessità non sarebbe penalizzata solo per rientrare a casa la sera. Terzo, e molto rilevante secondo me, si eviterebbero le file e le macchine in sosta selvaggia in attesa dello scattare delle 19.30. Da quando è in vigore areac infatti i viali dei bastioni dalle 19 alle 19.30 sono un caos di traffico e attese...ma i vigili non le vedono??? una ulteriore alternativa potrebbe essere consentire un orario di ingresso anticipato ai residenti, anche in qiesto caso credo che si allieverebbe il traffico che precede l'apertura dei varchi. Detto tutto cio, io stessa ho iniziato in alcuni casi a non usare l'auto per andare al lavoro e certo condivido in generale l'obiettivo. Tuttavia trovo che soluzioni che vadano incontro ai residenti debbano essere ricercate e trovate perchè pagare per andare a casa non mi pare giusto. Inoltre spero che nel tempo il centro non diventi un ghetto dove solo pochi possono permettersi di abitare. Questo penalizzerebbe di certo il centro della città e la sua creatività e spinta innovativa.

      Elimina
  23. Poichè Area C come Ecopas sono provvedimenti che hanno il solo scopo di fare cassa,
    l'incasso è l'unico riferimento che potrà essere considerato dal comune per eventuali modifiche;
    Fatti i conti per il comune potrebbe essere più conveniente applicare ai residenti un'abbonamento annuale forfettario.

    RispondiElimina
  24. Ho risposto al sondaggio. Personalmente ho tutto da guadagnare da Area C, perché abito in centro, ho un posto macchina in centro, lavoro a due passi da casa, uso la macchina solo nel week-end e di sera e non sempre. Nonostante questo, trovo vergognoso essere costretti a pagare per rientrare a casa e "la campagna" contro i residenti "ricchi". Chi lavora fuori Milano in posti non raggiungibili con i mezzi pubblici è fortemente penalizzato ( chiedo al Sindaco e a Maran di provare a spostarsi con i mezzi pubblici per esempio nel Vimercatese), non credo che una persona che vive in Viale Beatrice d'Este o alla Maggiolina sia necessariamente più povera di me, se non avessi un posto macchina, tornando a casa la sera, soprattutto nei fine settimana estivi, non so come farei a posteggiare, visto che ci sono macchine di non residenti parcheggiate anche sui passi carrai e non si vede un vigile! In ogni caso, se veramente la Giunta vuole rispettare, come dice a spada tratta, l'esito del referendum, mi auguro che lo faccia allargando l'area C come previsto e accettando il rischio di vedere aumentare l'impopolarità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono nella stessa situazione e concordo pienamente.
      Ho letto recentemente una biografia di Stalin: uno degli osceni concetti dello stalinismo era "la rieducazione" del popolo affinchè "si convincesse" ad accettare "entusiasticamente" la nuova ideologia.
      Il comunista Pisapia ha dichiarato che vuole "rieducarci"!

      Elimina
    2. E lui, questo arrogante, chi lo "ri-educa..."?
      Spero veramente che i nostri concittadini milanesi, dopo questo "bagno", la prossima volta se ne gaurdino bene dal votare persone come Pisapia e compagni perchè purtroppo poi pesano per 5 anni su tutti noi!

      PM

      Elimina
  25. Sono casalinga e non uso quasi mai l'auto, risiedo all'interno dell'area C,giro sempre con i mezzi o a piedi, mi infastidisce l'obbligo di pagare per tornare a casa mia. Mi sento discriminata nei confronti degli altri cittadini. Cerco di risparmiare i passaggi per momenti più urgenti. Il centro è un po' più triste, i commercianti si lamentano dei magri incassi. Visto l'acclamato successo di questo insano(per chi vive appena fuori l'area C) provvedimento, attendo con ansia venga esteso, come stabilito da referendum, alla cerchia 90/91. A quel punto i favorevoli saranno molti meno...

    RispondiElimina
  26. Uso tutti i giorni l'auto per lavoro.E'inconcepibile la tassa di rientro.Una proposta logica al Comune è quella di anticipare l'orario "free" di rientro alle 16'30.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accodo- sarebbe un miglioramento se l'orario di rientro per residenti fosse alle 16.30/17.00

      Elimina
    2. Ma scusate, non ci sono solo i lavoratori! Giusto non penalizzarli, ma gli altri? Le persone anziane che devono fare visite mediche al mattino o primo pomeriggio che so, all'Humanitas? Quelle devono pagare, per quale principio? O devono andare in taxi come qualcuno ha sostenuto? Libero accesso al proprio ingresso di zona per tutto il giorno e per tutto l'anno!!! Neppure 1 euro a questo comune che si attacca alla pelle dei cittadini (tarsu addizionale Irpef, IMU non riducibile neppure sulla prima casa, tassa passo carraio, tassa occupazione spazio pubblico centuplicata) che vergogna, spero che i sostenitori del sindaco e di questa giunta di pivelli e riciclati (visto i silenzi opportunisti in svariate occasioni) si stiano vergognando di cosa hanno fatto votandoli.

      Elimina
  27. Vivo nella cerchia dal 1986. quando fu annunciato il provvedimento, pur non essendo impattata (uso l'auto veramente di rado), mi sentivo "eticamente" attaccata. "Ma come? per portemene tornare a casa in auto, dovro' pagare?". poi ho cominciato a pensare un po' piu' alla sfera "pubblica". e mi sono ricreduta. sono una mamma e - vivendoci in questa zona - ho potuto constatare che la qualita' di vita e' molto migliorata. non ancora i vari Pm e fattori inquinanti (non certo calati per l'introduzione dell'area C. su questo non prendiamoci in giro. milano e' una tossina allo stato puro dentro e fuori dalla zona C. di questo ne sono convinta). dicevo, la qualita' della vita e' migliorata in termini di rumori, di traffico calato in maniera veramente significativa. se mia figlia cammina avanti a me di 2 metri nn sto piu' cosi in allarme come prima, con pensiero che mi finisca sotto l'auto di turno (non che il pericolo sia scampato. ovvio. ma sicuramente abbiamo ridotto drasticamente la possibilita' che questo si verifichi). e quindi, fosse solo come investimento sulla vita migliore dei nostri bambini (futuri cittadini) penso che ne valga la pena di fare questo esperimento. e vediamo a gennaio 2013 se e come siamo cambiati nelle nostre abitutidini di cittadini della zona C e non (non solo noi siamo impattati da questo provvedimento. tutti). interpreto questo come un investimento e una presa di coscienza che - forse - ce la possiamo fare a fare le cose senza dover appoggiare il nostro sacro deretano sul sedile di una macchiana. che - forse - ci sono anche altri modi per potersi spostare in citta'..... ecco: pensando ai nostri bambini e alle nostre nuove abitudini, ho rivisto un po' la mia posizione iniziale. mi riservo - ovviamente - di "tirare un bilancio" dopo un anno.

    RispondiElimina
  28. Risiedo all'interno dell'area C, poco dopo varcata l'"entrata" di piazza Conciliazione. Uso l'auto una volta a settimana, salvo rare altre eccezioni, sempre per uscire dall'area e per poi rientrarvi prima delle 19.30, dunque pagando.
    All'assurdità di dover pagare per tornare a casa propria, si aggiunga quella per cui non esiste una zona in cui io possa parcheggiare senza entrare in area C o senza comunque pagare l'area sosta (strisce blu) fino a piazza Baracca l'area sosta gratutita (strisce gialle)è per i residenti in "zona fiera"; la mia zona di sosta residenti (area 7) comincia in via Toti (posto che in corso Magenta non posso entrare) e .... finisce dopo 200 metri, all'ingresso dell'area C di piazza Conciliazione!
    Dunque l'alternativa è tra pagare l'entrata in centro per parcheggiare sotto casa (a 200 metri dal varco)e pagare per parcheggiare nelle strisce blu in una "zona residenti" diversa dalla mia.
    Mi sembra una limitazione francamente eccessiva e senza senso

    RispondiElimina
  29. Sia l'Area C che l'aumento del prezzo del carburante mi stanno sospingendo verso un maggior utilizzo dei mezzi pubblici (anche se impiego il dopppio del tempo ..)che, tutto sommato, considero un comportamento socialmente più attento. Devio però sottolineare il mio disappunto nell'aver escluso il week end dal pagamento del ticket. Perchè io, residente in area C, per rientrare dal lavoro a casa mia devo pagare mentre per "tempo libero" tutti possono liberamente e gratuitamente utilizzare l'auto nel week end e inquinare a "trafficare" il centro di Milano? Naturalmente mi rispondo da sola... Altrimenti il sindaco si perde tutti i voti dei commercianti! Perciò siamo alle solite, sempre ostaggio delle lobbies più forti.

    RispondiElimina
  30. FOTOCOPIO L'OPINIONE DI UN ALTRO RESIDENTE, CHE MI SI ADATTA A PERFEZIONE
    Lavoro fuori dall'area C in zona periferica e l'uso dell'auto è indispensabile. Per pochissimi metri sono all'interno dell'area e per poter utilizzare il box di proprietà devo necessariamente varcare la soglia. Trovo veramente assurdo il dover pagare ogni giorno se rientro prima delle 19.30. Il problema dell'are C non sono i residenti in quanto chi già abita nell'area C ha sicuramente più facilità nel muoversi con i mezzi, a differenza di chi deve recarsi fuori. Trovo che il traffico sia notevolmente diminuito, ma nelle zone limitrofe non è cambiato nulla. Continuo a sostenere che il problema dell'inquinamento non sia solo del centro di Milano! I residenti dovrebbero avere libero accesso alle loro abitazioni in qualsiasi ora del giorno e della notte. Grazie

    RispondiElimina
  31. Nell'area C circolo in macchina sicuramente molto piu velocemente,non ho cambiato le mie abitudini poichè la maggior parte della mia attivita si svolge all'interno dell'area,anzi mentre prima talvolta usavo i mezzi pubblici ora utilizzo maggiormente l'auto. Trovo però assurda l'imposizione di una tassa di rientro in casa propria. Cordialmente

    RispondiElimina
  32. lavoro come fisioterapista all'interno di area C , il mio ambulatorio è in Via Crivelli, per pochi metri grande disagio per i miei pazienti che a volte hanno problemi motori : stampelle, entesiti d'anca, esiti di distorsioni .... per loro fare anche cento metri a piedi è un problema ! senza contare che io a volte sposto macchinari elettromedicali, lenzuola da lavare, documenti per lavoro e porto pesi in continuazione ! non si è pensato di lasciare almeno entrare gli euro 5 e i veicoli alimentati a GPL ? Saluti - Livia Pivetta

    RispondiElimina
  33. buongiorno a tutti
    per quanto mi riguarda sento e vivo la ristrettezza di sentirmi libera nel rientrare a casa secondo certi orari.il mio lavoro non mi permette una quotidianità abituale, ma orari sempre diversi quindi posso dire che a oggi il mio commento riguardo l'area c resta negativo
    e ci tengo a fare una precisazione importante a seguito di quello che ho letto.
    posso essere d accordo anch io riguardo al parcheggio, meno riguardo al traffico.
    per quanto l'area c possa avere dei riscontri positivi,qui non si parla della positività degli effetti o meno,non si tratta di dire la propria opinione se piace o non piace se si sotiene o meno questo progetto, ma semplicemente di non costringere gli abitanti della zona a pagare un dazio per rientrare a casa propria
    CHE è DIVERSO
    che rimanga esteso a tutti, ma non per chi come tutti gli abitanti di Milano ha il diritto di andare a casa propria senza guardare l'orologio e acquistare un ticket
    è questa l'assurdità
    attenzione a non perdere di vista la questione centrale:
    abolire l area C per I RESIDENTI

    RispondiElimina
  34. Le risposte previste alle domande non rappresentano il mio vissuto: é indubbio che il traffico sia diminuito molto, ma proprio questo dà una tristezza enorme, meno auto é meno vitalità.Inoltre mi son sentita forzosamente condizionata dalla consapevolezza che se "uscivo" dovevo rientrare bruciando i famosi "permessi" quindi mi son trovata a fare i conti per mettere insieme più motivi utili per 2uscire"!! Una vera mortificazione dell'animo e autoprivazione di libertà. Che pena!!!

    RispondiElimina
  35. Tutti i giorni mi reco al lavoro a Limito di pioltello. Non ho altra scelta se non quella di usare la mia autovettura.Tempo 25 minuti. Con i mezzi ci impiegherei Ore 1.30 circa con tratti di strada a piedi, e non vi dico in che condizioni(fredddo acqua fanghiglia).Pago il pizzo e mi incazzo-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La capisco molto bene: ho lavorato per 10 anni a Cernusco Sul Naviglio (località Villa Fiorita) un npo' più in là di Limito, e ne so qualche cosa. Sopno una donna che ha sempre lavorato, con famiglia.
      Ma questi BABBUINI del Comune di Milano, con in testa il caporione Pisapia, che cosa vuole che ne sappiano????
      Eh... ma noi residenti di Area C siamo tutti ricchi e che non fanno un c....o dalla mattina alla sera con il deretano al caldo...
      Ma che vadano tutti a "ranare il mare..."!!!!

      Elimina
  36. lavoro fuori dall'area C (fuori milano e vado sempre in posti diversi), non posso non usare la macchina e non ho orari fissi.
    vivo alla periferia dell'area C quindi ci sono un paio di vie fuori dal confino e per ora sono riuscita a trovare parcheggio lì (e secondo me è complice la crisi della minore mobilità automobilistica.. purtroppo).
    alcune note: prima di entrare nell'area C mi faccio più e più giri lì intorno piuttosto che pagare! quindi chissà se il muro trasparente che protegge noi privilegiati dallo smog dei bastioni funziona!!!
    In secondo luogo vedo (e l'ho fatto anch io una volta!) persone che per parcheggiare subito dentro l'area entrano in retro in vie a senso unico... che tristezza!
    Ho una figlia piccola (1 anno) che ha appena iniziato a camminare e l'uso del passeggino è ancora obbligato.. vorrei sapere come fanno le altre mamme a prendere i mezzi, soprattutto la metro..
    o faccio la spesa nei supermercati carissimi del centro oppure devo pagare per rientrare a casa dalla spesa.. bello! ah! si, vivo nella cerchia dei bastioni ma guarda un po' non sono ricca! ho avuto la gran fortuna di avere un nonno che 60 anni fa comprò questa casa.
    come ultima cosa, per andare in centro e non, ho sempre preso i mezzi o usato i miei piedi anche prima dell'area C! chi molla un parcheggio in centro inutilmente?!?!

    RispondiElimina
  37. Buongorno a tutti i signori di cui sopra con i quali sono praticamente d'accordo. Una domanda a tutti: AVETE ADERITO PER FARE RICORSO AL TAR?
    Serve..non serve...
    Ma ALMENO CI PROVIAMO!! Inutile lamentarsi se dalle parole non si passa ai fatti...ovviamente di legge e nel suo rispetto.
    CORAGGIO! PIu' cittadini faranno sentire il loro dissenso, più (forse) saremo ascoltati....
    Buona giornata, tra neve, gelo e arrabbiature: VIVA MILANO, LA NSOTRA MILANO e non quella di questa Giunta Pisapia che di Milano e dei milanesi NON GLIENE FREGA NIENTE, solo fare CASSA!!!!!!

    RispondiElimina
  38. abito in centro e da buona radical chic (?) posseggo una euro 3..per quest'anno starò nei 40 ingressi per mia fortuna, ma il prossimo dovrei cambiare auto. sarei così più "ecologica"? La mia macchina fiunziona alla perfezione e non programmato di cambiarla e i fondi di questi tempi si sa..Come pensa debba risolvere la questione per il residente in questione il sindaco? Mi devolverà un bonus? Grazie Laura

    RispondiElimina
  39. Buongiorno a tutti. Io ho cercato di concentrare tutte le commissioni che svolgo abitualmente nei giorni in cui vado a
    trovare mia madre che risiede fuori milano. Ma questo non è quanto volevo raccontare. Ieri ho dovuto rivolgermi ad un
    tecnico per un intervento in casa mia. Al momento del conto un po' salato gli ho chiesto dei chiarimenti mi sono sentita rispondere ' ma signora insieme con l'uscita ci sono i 5 euro
    per l'ingresso in centro'. Ma quante volte pagheremo EFFETTIVAMENTE noi residenti? Mi sento presa in giro ogni volta che il sindaco pontifica sul bene collettivo. Vorrei fosse richiesto a Pisapia un incontro con i residenti o forse ha paura?
    Saluti

    RispondiElimina
  40. 1) con l'introduzione dell'area C il centro è deserto (prima il traffico era comunque tollerabile) mentre si è appesantito notevolmente il traffico sui bastioni (anche qui prima era a livelli più tollerabili). questo significa che la mobilità in città è peggiorata (oltretutto senza nessun beneficio per l'inquinamento)
    2) il provvedimento dà al cittadino residente fuori dall'area C la possibilità di scegliere se usare l'auto per accedere all'area C (e pagare la tassa) oppure usare i mezzi pubblici (anche se il risultato per la cittadinanza é poi di fatto negativo, vedi al punto precedente). Il residente all'interno dell'area C invece è costretto a pagare, e basta. Risiedo e lavoro all'interno del centro e per abitudine da anni per muovermi in città utilizzo il più possibile i mezzi; per lavoro devo recarmi spesso per sopralluoghi, anche più volte nello stesso giorno, in cantieri nella periferia o fuori Milano: se ritorno alle 10 di mattina, o alle 16, ovviamente non posso aspettare le 19,30 per rientrare in ufficio, e ovviamente non posso scegliere di andare in provincia di Pavia piuttosto che di Como con i mezzi pubblici o in bicicletta. Devo pagare senza alcuna possibile alternativa. Cordiali saluti

    RispondiElimina
  41. risiedo nell'areC e non possiedo l'auto. In compenso ho un negozio nell'areaC che sta per morire come la maggior parte delle attivita' commerciali!!!! Bravo Giuliano ottimo lavoro!!! ma mi chiedo poi per cosa????? per non vedere piu' macchine facciamo morire il centro di una citta' come Milano???? che vergogna!!!

    RispondiElimina
  42. leggo con interesse i commenti di chi come me e' residente in area C. Sono tanti e tutti reclamano un po' di buon senso per porre rimedio ad una oggettiva ingiustizia.
    Io ho aderito al ricorso al TAR dei NOCHARGE e attendo con curiosità' il giudizio e relativa motivazione. Se c'e' ancora un minimo di ragionevolezza in giro dovremmo vincere a mani basse, ma come mi confessava un amico avvocato, in Italia e' più' conveniente andare a giudizio se hai torto poiché' il risultato delle cause e' molto spesso casuale (come se i giudici facessero a testa o croce per decidere). Quindi, cari residenti, incrociamo le dita, perché' non potendo sperare nel buon senso di Maran (visto all'opera con i suoi supporters che ci invitavano ad andare ad abitare in Svizzera durante la riunione di Gennaio), possiamo affidarci solo alla dea bendata... almeno fino alle prossime elezioni comunali.

    RispondiElimina
  43. sono ovviamente residente in Area C , e quindi se uso l'auto non la uso per girare in centro ma solamente per uscire dalla stessa Area C
    Detto questo si può dire che solo per il fatto che vivo all'interno della cerchia dei bastioni non creo nella stessa ne' traffico ne'tantomeno smog aggiuntivo.Vengo penalizzato però se decido di uscire dalla suddetta area e rientrare a casa e quindi di parcheggiare (ovvero fermare la macchina, non usarla!!!) prima delle 19,30 Ho fatto un rapido calcolo economico di cosa vuol dire e : togliendo i naturali sabati e domeniche dove non si paga , le festività infrasettimanali dove ancora non si paga ed i 40 ingressi gratuiti concessi , rimangono ca 213 giorni a pagamento il che significa un esborso di ca € 426.
    A questo punto mi chiedo cosa ho fatto di male per avere questa ulteriore gabella? trovo tutto questo irragionevole e di fatto che crea disuguaglianza fra gli stessi abitanti di Milano perchè chi abita fuori dalla famosa Area C può tornare a casa propria quando vuole senza spese ulteriori e invece chi abita all' interno deve pagare per un diritto

    RispondiElimina
  44. Il tempo passa ma la rabbia dei Residenti aumenta ogni giorno sempre di più...Non molliamo,non vogliamo pagare per tornare a casa nostra!

    Antonio Ciciliano

    RispondiElimina
  45. mi sento isolata da quando e' in vigore area c. finalmente in questa nuova abitazione ho il box e quindi minori problemi x parcheggiare la sera sotto casa ma mi vedo costretta a usare la stessa molto molto meno x evitare di terminare in fretta i passaggi gratuiti. di conseguenza, non amando utilizzare i mezzi perche' sempre piu' strapieni, faccio molto meno acquisti, meno benzina, mi sembra di vivere in stato di provvisorieta' in un paese non libero dove mia figlia giovane e desiderosa di vivere in liberta' e' stata fermata e controllata alle ore 23 di un sabato sera solo per guidare un'audi. io del resto cerco di vitare anche la bicicletta per non essere scippata o aggredita come la povera imprenditrice di milano tuttora in policlinico. adesso milano e' gelata, ma spero che entro marzo il nostro stupido sindaco tolga la tassa ai residenti

    RispondiElimina
  46. Tutte le sere finisco di lavorare per le 18.15 (torno da fuori milano zona industriale dove non arrivano mezzi ma solo camion tengo a precisare per i sostenitori della bicicletta) verso le 19,10 sono in piazza conciliazione e butto via il mio tempo(gioco al solitario con l' Iphone)aspettando le 19,30 per entrare in area c per poter tornare a casa dove ho anche il box.

    Tengo a precisare che aspetto 19,30 non per tirchieria (ogni giorno do 2 euro anche più ai clandestini che trovo ai semafori tanto amati da pisapiaaaaaaaaaaaaaaaaaaa) ma per il concetto di privazione di poter tornare a casa mia senza dover pagare una tassa.

    Tengo a precisare che aspetto le 19,30 insieme alla polizia municipale (con motore acceso e non capisco cosa servano ai varchi) chiaramente e rigorosamente col motore acceso.

    BRAVO pisapiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  47. Sto aspettando con ansia il responso del Tar al nostro ricorso, anche se, conoscendo la nostra giustizia, temo che solo se si troverà un giudice in cerca di fama o che non sia un pisapiano, si potrà avere un verdetto favorevole. La privazione che ci tocca come residenti è frustrante, ma tengo duro, mi sono ripromessa di far durare i miei 40 permessi in modo da non versare neppure 2 euro al nostro comune, che ci snobba e ci mortifica (forse perchè molti non sono suoi supporter). Già ci hanno appioppato l'addizionale Irpef, la tassa per il passo carraio, l'imu prima casa, la revisione rendite catastali, sarà un salasso. Il centro sembra una città dell'Est (vecchio stile), le pattuglie dei vigili (rigorosamente con il motore acceso) hanno un'aria truce e indagatoria. Ma questa è la mia città? Dove ci porteranno questi incompetenti allo sbaraglio? Le giovani coppie che tanto apprezzano la citta "pulita", che volgiono girare in bici nel centro come fossero in qualche cittadella romagnola(li voglio vedere in questi giorni), anime nobili che hanno dato fiducia agli ecologisti verdi/rosso/arancioni,se ne stiano in campagna e quando calano a Milano centro paghino ben più di 5€, soprattutto di sabato, giorno in cui arrivano con il suv per le piccole spesucce.

    RispondiElimina
  48. sono residente in area C e lavoro in zona appena fuori dall'area, sono rappresentante per cui la macchina mi serve per lavoro e quando vado in ufficio trovo il caos perchè tutti si fermano appena fuori area c, alla sera quando torno a casa, MAI prima delle 19,30 per non pagare non trovo parcheggio perchè i posti sono rigorosamente occupati da chi va per l'aperitivo o cena in zona Brera ( ove abito in casa NON di lusso), torno a casa con 2 bambini, zaini di scuola, spesa ecc e devo parcheggiare lontano da casa e spesso prendo la multa perchè la sera i vigili non passano ma al mattino, quando verso le 8 esco di casa gli ausiliari sono già al lavoro... (inutile dire che la sera i vigili hanno altro da fare).Il lavoro è diminuito ma le spese sono aumentate!!!!!
    Stefano

    RispondiElimina
  49. Pisapia fa proprio ridere con quella sua zeppola in bocca e con il suo penoso assessore con la erre moscia.Pensano di aver rivoluzionato Milano con l'area c ma mettano le centraline anche fuori dalla cerchia dei bastioni e se ne accorgeranno

    RispondiElimina
  50. Risiedo sul confine dell'area C e devo entrare per pochi metri e per parcheggiare, dato che ho il contrassegno 3 che é tutto all'interno dell'area. Uso la macchina quotidianamente solo per andare al lavoro in periferia (sono insegnante) e per approfittare, sulla via del ritorno, di un supermercato ben fornito dove fare scorte per la famiglia di quattro persone( nell'area C del mio quartiere non esistono supermercati ma solo mini market e panifici esclusivi e costosi). Rientro quindi nelle prime ore del pomeriggio con una cartella gonfia di libri e compiti e spesso con qualche borsa della spesa- Andare con i mezzi comporterebbe per me:
    - uscire la mattina presto 25 minuti prima
    - prendere 2 metro e poi camminare 10 minuti sempre con la cartella pesante
    - non poter fare provviste per la famiglia
    Sottolineo che nelle ore pomeridiane e nel week end non uso praticamente mai l'auto ma uso molto i mezzi pubblici tanto é vero che ho l'abbonamento ATM
    Per quanto riguarda la qualità del traffico sul confine dove abito é identico a prima così come é identica la difficoltà a trovare parcheggio negli spazi riservati ai residenti spesso occupati da veicolo non aventi diritto :intanto i vigili invece di dare le multe stanno seduti in auto a presidiare gli ingressi dell'area C!!

    RispondiElimina
  51. vorrei chiedere al nostro sindaco perchè secondo lui i residenti per tornare a casa inquinano, mentre invece le centinai di ragazzi che calano come orde di barbari la sera per frequentare i locali intorno a piazza vetra, che parcheggiano ovunque (sui marciapiedi, sulle strisce gialle) che urlano fino a tarda notte e che buttano per terra bicchieri e bottiglie, quelli invece non inquinano rompono soltanto.....

    RispondiElimina
  52. Io sono residente nell'area C e ho una diesel euro 3 del 2005; con le norme del vecchio Ecopass potevo circolare tranquillamente, pagando un abbonamento a costo sostenibile. Quest'anno per circolare (a meno che come in questi giorni ci sia il blocco delle euro 3, altra geniale trovata della giunta attuale) devo pagare circa 350 euro (avendo già calcolato i 40 ingressi gratuiti). Per di più a fine anno sarò costretto a cambiare un'auto con soli 70.000 km , ancora perfetta e regolarmente mantenuta anche in tema di controlli e revisioni. Chi me li dà i soldini per comperare un'auto nuova? Lavoro a Cornaredo, in una zona industriale non raggiunta da alcun mezzo, e l'auto mi serve. Ma per Pisapia e compagni, noi del centro siano tutti ricchi, per cui tirare fuori 30.000 euro non è un problema. Evviva le giunte di sinistra, che si preoccupano delle vere esigenze del popolo!

    RispondiElimina
  53. Sono residente nell'areaC e tutte le sere aspetto di rientrare nel ghetto dopo le 19,30 per non pagare la GABELLA a pisapia maran e monguzzi Ovviamente non sono solo ad attendere l'ora ma tutti rimaniamo in attesa con motore acceso causa il freddo per poi gettarci nell'area protetta dall'inquinamento.All'ora fatidica ci gettiamo in centro per arrivare alla ns. abitazione
    Oltre che cercare di contenere la rabbia che ho per questa inutile situazione mi chiedo se gli educatori sopra citati conoscono la situazione VATAFC Ci rivedremo alle prossime elezioni

    RispondiElimina
  54. io sono stanca di aspettare le 19.30 x entrare A CASA MIA aquistata con tanto sudore e adesso non posso godermi la MIA CASA esco di casa alle7.15 e rientro alle19.40 ma e vita questa?grazie PISAPIA...e pensare che ti ho VOTATO:!!!!!!!!

    RispondiElimina
  55. Cosa aspettiamo ad organizzare una nuova protesta tutti insieme ?

    RispondiElimina
  56. Vi siete accorti che nonostante tutto quello che facciamo o diciamo il pisapir.. (ops, pardon!) ..pisapia SE NE STRAFREGA?
    Non solo, amici cari, ma non pago di relegarci nel ghetto durante la settimana non si lascia scappare qualsiasi boiata (stramilano, giro d'italia, papa.... festa dell' anguria o della brezza primaverile) per bloccarci a casa anche il sabato e la domenica!
    Nonostante si debba pagare per tornare a casa non abbiamo più nemmeno il DIRITTO sacrosanto di uscire di casa quando, finalmente, dopo aver lavorato per pagare anche i suoi "furti" potremmo meritarci di passare qualche ora, ad esempio, in campagna o soltanto farci gli affari nostri!

    Che bello, che democrazia, che sensibilità per TUTTI i cittadini, che spirito di equità sociale ............

    pisapir... ( e dai, scusate il difetto di pronuncia...) pisapia: HAI ROTTO !!!!

    (ma non te ne frega niente!)

    RispondiElimina
  57. Sono stufo di questa area c basta.

    RispondiElimina
  58. pero', che sondaggio, e che interventi piccati!
    Comunque anche 15% che hanno cambiato le proprie abitudini mi sembra un bel risultato.
    Cari residenti, godetevi area c (quando finalmente tornerà), smettetela di lamentarvi e soprattutto di usare l'auto tutti i giorni.
    I mezzi, soprattutto in centro, funzionano benissimo e costano pochissimo (con l'abbonamento meno di un euro al giorno)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro ciccillo
      mi sembra che lei non abbia colto il nostro punto: i Residenti non vogliono usare l'auto all'interno di AreaC, bensì di essere liberi di rincasare a qualsiasi ora di ritorno da una località non servita dai mezzi. Le statistiche hanno sempre dimostrato che i residenti in centro sono i più grandi utilizzatori dei mezzi, delle biciclette e... dei piedi per circolare all'interno del proprio quartiere.
      RNC

      Elimina
    2. Cari ciccillo & Co,

      adesso vediamo che cosa decide, martedì prossimo, in novembre, il Consiglio di Stato.....Per quanto mi riguarda, Residente confinato all'interno dell'Area C, mi auguro che lo stesso azzeri tutto: MA LO VOGLIAMO CAPIRE CHE E' SOLO UNA QUESTIONE P O L I T I C A? Secondo voi, il PM10, subito fuori della cerchia, quando c'è, è alle stelle, ed all'interno dell'Area C che cosa abbiamo: aria salubre di alta montagna..? La nuvoletta della salute...??? Ma per piacere, piantiamola!
      PM

      Elimina
    3. Gentile Ciccillo,
      i mezzi pubblici di Milano sono tra i più scadenti che abbia sperimentato, avendo abitato in diverse città europee. Tuttavia li uso volentieri, anche per lavoro (libero professinista), quando il loro percorso risulta vantaggioso, nell'economia della mia giornata. Naturalmente dovendo prendere la macchina per recarmi fuori Milano, ho accettato di pagare questa nuova tassa, che inciderà alcune centinaia d'euro. Ci siamo abituati fin da piccoli che bisogna essere felici di pagare le tasse e ne attendiamo sempre di nuove, speranzosi e pieni di entusiasmo!
      Sono comunque favorevole all'estensione dell'area C a tutta Milano, perché si correggerebbero almeno le storture che sono state corretamente evidenziate da molti interventi. Se dobbiamo cambiare queste benedette abitudini facciamolo sul serio e chiediamo a tutti i concittadini lo stesso impegno e lo stesso sforzo. Dovremo chiedere molto di più anche ai tromboni del Comune di Milano, che si improvvisano esperti con una faciloneria disarmante, ma non sono in grado di immaginare delle vere soluzioni di medio e lungo periodo per l'annoso problema della mancanza di spazio: viabilità assurda, mezzi publici primitivi, lentezza del traffico, parcheggio casuale, quasi tutto in superficie a scapito di carreggiate e marciapiedi, assenza di spazio per camminare e vivere la città, carenza di spazi verdi e ricreativi etc etc. Credo che con impegno e onestà, chiunque potrebbe trovare decine di soluzioni struturali per ottenere un città migliore. Purtroppo non possiamo pretenderlo da amministratori incompetenti, presuntuosi e menefreghisti...

      Elimina
  59. Matteo Benedetti12 novembre 2012 07:20

    Maran e Pisapia via da Milano. Se allargano area C IO NON PAGO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Matteo, sono d'accordo su tutto. Ma allora a questa stregua, se allargassero area c, veramente uno l'auto la può quasi...buttare...mah!
      A questo punto bisognerebbe fare un ricorso al TAR anche per chiedere una modifica alle condizioni di pagamento del premio dell'assicurazione perchè se una persona viene bloccata nel poter utilizzare l'auto durante la settimana durante il giorno (pena il pagamento dell'area c) e quindi magari poi decide di non utilizzarla, perchè pagare un premio annuo "a tempo indeterminato" se poi l'uso invece potrebbbe essere "determinato".....?
      C'è da riflettere ed eventualmente pensare ad ulteriori azioni. Io faccio parte dei Residenti no charge ed ho aderito al Ricorso al Tar.
      PM

      Elimina